Posted on 2 commenti

Deposito marchi e brevetto sistema NIC – BASIC H20

Signori, la società Blendfeel Srl è titolare dei marchi NIC (numero di deposito 302017000126449)  e BASIC H2O (numero di deposito 302017000126420, sicché la messa in commercio da parte di terzi di altri prodotti che riportino tali denominazioni, costituisce una aperta violazione dei suoi diritti. Inoltre l’inventore, Ing. Renzo Cattaneo , ha richiesto ha richiesto al Ministero dello Sviluppo Economico il rilascio di Brevetto per invenzione industriale in data 21 settembre 2017 con protocollo 102017000106031  che ha per oggetto la : “Realizzazione di una formulazione liquida per l’addizione rapida di nicotina e la riduzione delle emissioni nocive dei liquidi per sigarette…

leggi di più

Posted on 2 commenti

LA GUARDIA DI FINANZA APPROVA LE NOSTRE NIC

In data 18 settembre 2017 la nostra Azienda è stata oggetto di verifica da parte della Guardia di Finanza. L’attività svolta dai militari aveva la precisa finalità di “verificare il rispetto delle normative vigenti in materia di vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati” con riferimento ai  nostri prodotti contenti nicotina diluita in acqua: i NIC nelle varie gradazioni facenti parte del sistema Basic.H2O. Con l’occasione sono stati verificati peraltro tutti i nostri prodotti relativamente alla conformità ai disposti del D.Lgs 12.01.2016 n° 6. Al fine di documentare l’esito del sopralluogo si riporta lo  stralcio conclusivo del verbale…

leggi di più

Posted on Lascia un commento

COMUNICATO AZIENDALE – NOTIFICHE EU-CEG

Desideriamo dare un  contributo, che si ritiene possa essere utile, ai Clienti ed ai Colleghi che nel recente passato hanno discusso sul tema delle notifiche al centro di raccolta dati europeo EU-CEG. Molti hanno creduto ed affermato insistentemente che i prodotti andavano notificati entro il 20 novembre 2016 al suddetto portale. Ebbene abbiamo sempre rilevato che il D.Lgs 6/2016, quale recepimento italiano della Direttiva UE 40/2014, non prescriveva in alcun modo che le notifiche andassero effettuate diversamente che al Ministero della Salute e dell’Economia. Nessuna indicazione veniva data dalla Gazzetta Ufficiale nel decreto legislativo di recepimento pubblicato lo scorso anno,…

leggi di più

Posted on Lascia un commento

TPD: le certificazioni non esistono

Tra le tante cose che si leggono nel web riferite alla TPD la parola certificazioni è tra le più ricorrenti.   In sintesi però: le certificazioni dei liquidi da inalazione non esistono   Il termine certificazione viene per vari motivi abusato, vediamo di capire che cosa è una certificazione in senso generale prima di tutto. Consultando l’eciclopedia Treccani si può leggere: “L’ordinamento non definisce la nozione di certificazione, ma il Testo unico della documentazione amministrativa (d.p.r. 28 dic. 2000 nr. 445) definisce il ‘certificato’ (che, come si è detto, è il documento in cui essa si esterna), come il documento…

leggi di più

Posted on Lascia un commento

prodotti con nicotina: tossicità ed etichettatura

A chiarimento di alcune segnalazioni relative all’assenza del pittogramma con il teschio e del triangolo tattile su confezioni di  prodotti contenenti nicotina, desidero precisare alcune questioni di ordine tecnico  utili a comprenderne il motivo. 1) la classificazione CLP dei nostri prodotti, con particolare riferimento alla nicotina si basa sui parametri ufficiali sia del nostro fornitore della nicotina che sui parametri pubblicati sul sito europeo (ECHA) relativamente alla LD (50) e cutanea nel caso di tossicità acuta. In base a tali parametri il calcolo analitico, eseguito conformemente al Regolamento 1272/2008, permette di utilizzare i pittogrammi indicati nell’immagine estratta dal nostro bugiardino.…

leggi di più

Posted on Lascia un commento

ELIQUIDI & VAPORE

CHE COSA SUCCEDE AGLI ELIQUIDI QUANDO DIVENTANO VAPORE Le attività svolte in questi mesi per le analisi degli Eliquidi, grazie all’utilizzo di strumentazioni di avanguardia, usate nell’analitica sanitaria, ci hanno spinti alla conoscenza approfondita dei liquidi da inalazione o meglio del vapore da loro prodotto durante lo svapo. Il progetto che avevamo impostato nella tarda primavera 2016 infatti voleva non solo individuare le emissioni di alcune sostanze oggetto di monitoraggio nelle more della normativa europea TPD ma soprattutto comprendere come e cosa succedesse nella transizione di fase  tra il liquido ed il suo vapore. Individuare la corrispondenza tra quanto presente…

leggi di più

Posted on Lascia un commento

Conformità delle schede di sicurezza

Torno su una problematica in ampia discussione in questi giorni, leggendo nel WEB ho trovato  informative di altri Competitors che danno dei pressapochisti agli altri in modo immotivato e non supportato tecnicamente con questi toni: In giro per la rete vedo “Roba” allucinante del tipo una unica scheda di sicurezza che contiene più prodotti diversi fra loro. Le schede di sicurezza devono essere per legge uniche per ogni prodotto. Anche in presenza di una stessa aromatizzazione e solo diverso contenuto di nicotina, le schede di sicurezza devono essere due. Figuriamoci poi nel caso di stesso contenuto di nicotina e diverse…

leggi di più

Posted on Lascia un commento

Le etichette: tra biscottini e regolatorio

Da tempo si parla di etichette, di liquidi con individuabili difformità alle norme, di dichiarazioni generiche di conformità degli interessati e di mancanza di informazione dei consumatori sull’argomento. Proviamo a parlarne un pochino! La materia che regola la Classificazione l’Etichettatura e l’Imballaggio dei liquidi da inalazione è in prima battuta il regolamento CLP 1272/2008 (Classification, Labeling and Packaging). Un regolamento pubblicato sulla Gazzeta Ufficiale dell’Unione Europea “solo” quasi 8 anni fa: il 16 dicenbre 2008. Va da sè che la sua valenza è estesa a tutta l’Unione Europea, non è solo “cosa nostra” e, per essere precisi questo strumento normativo…

leggi di più

Posted on 1 commento

Un laboratorio di analisi interno: un grande salto di qualità

È attivo dai primi di agosto, nel nostro laboratorio, un impianto di gascromatografia (GC-MS), un’apparecchiatura di avanguardia che ci permette di alzare in modo significativo il livello di qualità generale della nostra Azienda. La scelta fatta è in linea con una politica aziendale che punta ad elevare sempre più il livello qualitativo sia in valore assoluto che in riferimento all’impianto normativo riferito alla Direttiva Europea dei Prodotti del Tabacco così come recepita in Italia dal D.L. 6/2016. La progettazione di un liquido, la sua verifica in tempo reale senza la necessità di utilizzare terze parti, ci permettono di proporre prodotti…

leggi di più