ZERO - Il paradosso dell'MP3

Pubblicato il : 07/07/2020 - Categorie : ZERO

Quando abbiamo approcciato il progetto ZERO la partenza è stata delineare, sulla base della letteratura scientifica il funzionamento della nicotina. La Nicotina interagisce con l'organismo umano senza soluzione di continuità sul sistema nervoso centrale, sui recettori fornendo e attivando meccanismi biologici che determinano tra l'altro, nel suo funzionamento, la dipendenza.

Le molecole che compongono ZERO hanno ognuna, in modo indipendente,  attività e interazioni con l'organismo umano che sono ovviamente diverse da quelle della nicotina, ma ognuna apporta qualche interazione che si può assimilare in modo singolare e parziale  ad uno degli effetti della nicotina. 

Da queste considerazione nasce il paradosso dell'MP3, immaginiamo infatti che la nicotina sia la pista di un disco in vinile nella quale la testina del giradischi va a leggere i segnali da trasmettere, questi segnali sono appunto analogici ovvero coprono l'intera attività della nicotina e sono trasmessi integralmente al sistema audio. I componenti di ZERO si possono invece assimilare all'algoritmo di compressione tipico del sistema di codifica MP3 in grado di ridurre significativamente la massa di dati del suono originale ma mantenendo  una riproduzione accettabile del suono non compresso. Questi segnali audio all'orecchio umano non sensibile risultano sostanzialmente equivalenti alla traccia audio originale: quella del disco o se volete di un concerto da vivo.

Ecco che a questo punto diventa facile comprendere il funzionamento di ZERO, agisce a blocchi coprendo segnali che l'organismo considera essenziali per riconoscere l'effetto della nicotina. ZERO tuttavia  non è e non sarà mai come la nicotina, questo coi suoi pregi e i suoi difetti ma ricostruisce un segnale riconoscibile dall'organismo con analogia.

Una cosa che ZERO per certo non ricostruisce è la tossicità tipica della nicotina al quale si aggiunga che i suoi componenti non sono classificati come sostanze che generano dipendenza.

Condividi