Posted on Lascia un commento

Svizzera sigarette elettroniche – esenzione totale imposte

Svizzera sigarette elettroniche – esenzione totale per il fumo elettronico.

Con un ordinanza del Consiglio federale con effetto dal 1° aprile ecco quanto succede appena varcato il confine…..

Il Consiglio federale elvetico ha modificato già nel 2012 la tassazione delle sigarette elettroniche. L’eecutivo elvetico ha infatti adeguato l’ordinanza sull’imposizione del tabacco (OlmT) disponendo una serie di provvedimenti di natura fiscale in tema di sigarette elettroniche i cui effetti sono in vigore già dal primo aprile 2012. Con questa ordinanza il governo Svuzzero ha stabilito che le sigarette elettroniche non devono essere sottoposte a tassazione. In particolare, il Governo ha accolto la mozione n. 11.3178 del 21 dicembre 2011 presentata dal parlamentare Roberto Zanetti e intitolata “Esenzione delle sigarette elettroniche dall’imposizione sul tabacco”.

Più nel dettaglio, Zanetti aveva proposto al Consiglio federale di “modificare la legge federale del 21 marzo 1969 sull’imposizione del tabacco (RS 641.31) e l’ordinanza del 14 ottobre 2009 sull’imposizione del tabacco (RS 641.311) affinché le cosiddette sigarette elettroniche, nonché altri aiuti per la disassuefazione dal fumo non siano considerati come prodotti di sostituzione ai sensi della legge sull’imposizione del tabacco e quindi non soggiacciano all’imposizione sul tabacco”.
L’utilizzo dellesigarette elettroniche può senza dubbio rappresentare un trattamento di sostituzione prezioso per i fumatori e, pertanto, un utile strumento per chi intende smettere di fumare.

Il fatto che questo metodo per liberarsi dalla dipendenza dal fumo – specificava Zanetti – soggiace all’imposizione sul tabacco è in contraddizione con un agire coerente da parte dello Stato. Anche se il successo di un corrispondente tentativo di disassuefazione dovesse rimanere esiguo, deve valere il principio secondo cui ogni sigaretta elettronica fumata virtualmente sostituisce una sigaretta fumata realmente, quindi una vera sigaretta. Dal punto di vista della prevenzione della salute, questo metodo deve essere accolto favorevolmente e non penalizzato con misure fiscali di difficile comprensione.

Con la modifica dell’Ordinanza sull’imposizione del tabacco in Svizzera le bionde virtuali non sono più considerate misure sostitutive a quelle “normali” e, pertanto, sono state esentate dall’imposta. Prima dell’entrata in vigore dell’ordinanza le sigarette elettroniche in Svizzera erano esentate dall’imposta soltanto a metà in quanto non assoggettate al versamento del contributo destinato alla prevenzione del tabagismo.
Nella stessa esenzione fiscale, come da “impegno” stabilito nella mozione, sono compresi anche tutti gli altri prodotti finalizzati a garantire il superamento della dipendenza da fumo che. Tutti questi prodotti comunque, devono essere regolarmente registrati dall’Istituto elevetico per gli agenti terapeutici (Swissmedic).
Prima della modifica, infatti, si differenziava tra prodotti sostitutivi (tassati) secondo la LImT e prodotti per la disintossicazione dal fumo (esentati) registrati presso Swissmedic.

Infine il Governo federale ha apportato una ulteriore modifica all’OlmT riducendo il termine di dichiarazione mensile per i tabacchi manufatti a due giorni prima rispetto alla precedente disposizione legislativa.

Lascia un commento